You are on page 1of 2

ESERCIZIO 1 - SOLUZIONE

Un impianto prevede di lavorare 220 giorni allanno per realizzare due configurazioni di prodotto, P1 e P2, per i quali per i prossimi 10 anni prevista la seguente domanda:
ANNI 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 D1 (u/anno) 210.000 231.000 231.000 210.000 210.000 210.000 189.000 189.000 168.000 168.000 D2 (u/anno) 315.000 315.000 315.000 315.000 315.000 294.000 294.000 294.000 294.000 294.000

altri costi fissi CFA= 400.000.000 L/anno; Prezzo unitario del prodotto finito (Ricavo marginale) RM = 80.000 L./unit (uguale per entrambi i prodotti). Considerando che limpianto deve essere in grado di realizzare anno per anno la domanda richiesta (senza apportare alcuna variazione alle risorse produttive dimensionate nellorizzonte temporale di riferimento), che lintero impianto lavora per due turni da 8 ore al giorno e che tutti i macchinari devono avere uguale politica di ammortamento, si determini la soluzione pi conveniente tra un layout per reparti ed un layout in linea monoprodotto e quindi per la soluzione individuata si proceda ad individuare: Una disposizione di massima dei macchinari; Il criterio di ammortamento pi conveniente per la contabilit industriale; Costi variabili totali, costi fissi totali, utile, margine di contribuzione e margine di contribuzione unitario, volume di break even point ed elasticit relativi al secondo anno.

con unincertezza di precisione significativa e crescente a partire dal 3 anno. I prodotti sono realizzati attraverso i seguenti processi:
TC1A1
P1: A

TC1B2
B

TC1A3
A

1) Rendimento composto di impianto: Nel caso in esame i valori di efficienza risultano indipendenti dalla fase di lavorazione e dalla tipologia di prodotto realizzato, dipendendo esclusivamente dalla disposizione dei macchinari. PER LINEA

TC2A1
P2: A

TC2B2
B

i macchinari per eseguire le lavorazioni A e B sono caratterizzati dai seguenti dati: Costo macchine (da ammortizzare su 10 anni): MACCHINA A - valore dacquisto VAA= 3330 mlnL; valore residuo VRA = 499,5 mlL; MACCHINA B - valore dacquisto VAB= 5328 mlnL; valore residuo VRB = 799,2 mlnL; Tempi ciclo teorici (sec/u): P1 TC1A1 = 70 TC1B2 = 60 TC1A3 = 150; P2 TC2A1 = 110 TC2B2 = 100; Interruzione di funzionamento delle macchine dovuta a guasto mediamente di 6 ore ogni 34 ore di funzionamento; Efficienza delle prestazioni pari al 90% (layout per linea) o al 60% (layout per reparti); Difettosit del 5% (i prodotti difettosi vengono rilavorati dallo stesso macchinario). Limpianto produttivo caratterizzato dalla seguente struttura di costi e ricavi: costo manodopera CMOD = 224.000 L/turno per ogni operatore (indipendentemente dal tipo di layout necessario mediamente un operatore per ogni macchinario, pi un responsabile di turno, 3 addetti alla manutenzione e 5 addetti ai magazzini) pi 1.900,8 mlnL/anno per altro personale (commerciale, amministrativi, ecc.); costo energia elettrica CEL = 10.000 L/h macchina; costo materie prime CMP =25.000 L/u (uguale per entrambi i prodotti); altri costi variabili CVA = 15.000 L/u (uguale per entrambi i prodotti);

_____DEpQ = 0,850,90,95 = 72,7%_____ PER REPARTI _____ DEpQ = 0,850,60,95 = 48,5%_____

2) Numero di macchine:

PER LINEA N di macchine A prodotto P1 posizione 1: ___2____; N di macchine B prodotto P1 posizione 2: ___2____; N di macchine A prodotto P1 posizione 3: ___4____; N di macchine A prodotto P2 posizione 1: ___4____; N di macchine B prodotto P2 posizione 2: ___4____; Grado di utilizzazione: ___0,88___; Grado di utilizzazione: ___0,75___; Grado di utilizzazione: ___0,94___; Grado di utilizzazione: ___0,94___; Grado di utilizzazione: ___0,86___;

PER REPARTI N di macchine A : ___14 (2,63 + 5,64 + 5,64 = 13,9) ___; N di macchine B : ___8 (2,26 + 5,13 = 7,39)___; Grado di utilizzazione: _0,99_;

Grado di utilizzazione: _0,92_;

3) Soluzione ottimale Dal punto di vista economico (unico fattore quantificabile a disposizione per discriminare le due soluzioni) preferibile la soluzione con layout per linee monoprodotto. Le sole voci di costo differenziale sono il costo dei macchinari ed il costo della manodopera. Entrambe dipendono direttamente dal numero di macchinari necessari per la produzione ed il layout per reparti ne richiede un maggior numero per effetto sostanzialmente della minore efficienza non sufficientemente contrastata dalleffetto di saturazione dovuto allaggregazione della domanda (daltra parte limpianto deve realizzare un numero limitato di prodotti contraddistinti entrambi da una domanda elevata rispetto alla capacit produttiva dei macchinari). Di conseguenza al layout in linea corrispondono costi minori e dunque, a parit di ricavi, un utile maggiore.

6) Per il solo secondo anno di produzione (LAYOUT LINEA): Costo manodopera totale: Costo materie prime totale: Costo energia elettrica: Costi variabili totali: Costi fissi totali: Ricavi: Utile: Margine di contribuzione totale: Margine di contribuzione unitario: Volume di Break Even Point: ____4.365_mlnL__; ____13.650_mlnL__; ____563_mlnL__; ____21.840_mlnL__; ____14.657_mlnL__; ____43.680_mlnL__; ____7.182_mlnL__; ____21.840_mlnL__; ____40.000_L/unit__; ____366.438_unit__; ____0,33_unit__;

4) Disposizione dei macchinari


A A B A A A B A

Elasticit:

A A

B B

A A

B B

5) Criterio di ammortamento pi conveniente per la contabilit industriale (I valori numerici si riferiscono al parco macchine relativo al LAYOUT in LINEA): Quote costanti. La quota per il secondo anno di __________ mlnL;

x A tasso costante su valore residuo. Si ha r = _0,17_ e la quota per il secondo anno di


___9.329___ mlnL; Proporzionale alla produzione totale. La quota per il secondo anno di ___________ mlnL. Perch __dato il regime di incertezza bisogna cercare di recuperare linvestimento nel minore tempo possibile, e tra i criteri di ammortamento tra i quali possibile scegliere, quello scelto lunico accelerato. Le quote determinate sono sostenibili dal sistema produttivo (Utile > 0).